Non ho mai mollato e ho iniziato un tirocinio lavorativo

Valerio ha 22 anni e una risata contagiosa. Le difficoltà arrivate alla sua nascita non l’hanno mai fermato. Una mamma e un fratello straordinari alle spalle. Un percorso riabilitativo lunghissimo, fatto insieme alla Fondazione Roma Litorale. E oggi finalmente una nuova opportunità di vita. Ogni martedì svolge un tirocinio lavorativo in un’attività commerciale di Casal Bernocchi, a due passi da Roma. Gaetano, titolare di “Ar Buco Pizza&Sfizi” non c’ha pensato un attimo.

“Quando la Fondazione Roma Litorale ci ha proposto di dare un’opportunità a Valerio, dopo il suo percorso riabilitativo, ho subito accettato – dice Gaetano -. È un ragazzo solare che ci aiuta nelle faccende quotidiane. Un lavoratore instancabile. Sistema i tavoli, si occupa di inserire le bibite nel frigorifero, monta le scatole della pizza e a Natale quelle dei panettoni artigianali che producevamo. Non abbiamo mai avuto un solo problema con lui. È nato uno splendido rapporto. Siamo un’attività giovane, tutti ragazzi. Ci piace lavorare seriamente ma senza dimenticarci di sorridere e in questo Valerio si è inserito benissimo. Ormai è uno di famiglia. Molti avrebbero timori nell’inserire un ragazzo che ha avuto problematiche, io invece dico fatelo. Insieme a Valerio c’è sempre Nicola, il suo tutor che lo segue costantemente. Questo naturalmente ci fa stare più sereni”.

“Ragazzi come Valerio dopo i 18 anni e un progetto di vita individuale di anni alle spalle – spiega il direttore generale della Fondazione Roma Litorale, Stefano Galloni – rischiano di non essere costretti a rimanere chiusi in casa e perdere il contatto con il mondo. Ecco perché l’obiettivo ormai da anni è cercare di dare loro l’opportunità di dimostrare quanto valgono”.

“Valerio ha fatto dei grandissimi passi in avanti, tutto questo grazie a una famiglia straordinaria alle spalle e un lavoro altrettanto straordinario dell’equipe medica – sottolinea il Prof. Andrea Fontana, supervisore dei giovani adulti e neo direttore del dipartimento di psicoterapia della Fondazione Roma Litorale -. È con noi da quando aveva 3 mesi. Sa farsi volere bene, ha una sua rete di amicizie, pratica atletica. Su questo abbiamo molto insistito. Abbiamo lavorato molto sulle sue autonomie focalizzandoci sull’acquisizione di strategie cognitive che potessero aiutarlo sia nelle interazioni interpersonali sia nell’adattamento all’ambiente. Ci siamo poi concentrati sul senso del tempo, sulla comprensione e organizzazione della giornata e la gestione delle routine quotidiane. Oltre al mantenimento delle capacità mnestiche (della memoria) e sullo sviluppo di autonomie personali e sociali come la gestione del denaro, l’autonomia sui mezzi pubblici e la socializzazione. Oggi quei risultati si vedono. Ha ancora diverse difficoltà ma la sua voglia è davvero più forte di tutto”.

Leave a reply